Per implantologia dentale si intende quell'insieme di tecniche chirurgiche atte a riabilitare funzionalmente un paziente affetto da edentulismo totale o parziale mediante l'utilizzo di impianti dentali in titanio, inseriti chirurgicamente nell'osso mandibolare o mascellare. Gli impianti permettono a loro volta la connessione di protesi, fisse o mobili, per la restituzione della funzione masticatoria.
Attualmente gli impianti più utilizzati sono quelli a vite di tipo endosseo, nella maggioranza dei casi lasciati sommersi sotto gengiva per un periodo variabile da 2 a 5 mesi in base al tipo di tecnica e di protocollo utilizzato.
Il materiale più utilizzato per la produzione di impianti è il titanio, materiale biocompatibile che non comporta reazioni da parte dell'organismo (popolarmente ma erroneamente note come rigetto). Gli impianti, posizionati nell' osso del paziente, vengono fortemente inglobati in esso dai fisiologici meccanismi della rigenerazione ossea, ossia avviene l'osteointegrazione.

Da più di 20 anni ci appoggiamo alla ditta Staumann, leader mondiale nel campo degli impianti dentali e azienda che maggiormente investe nella ricerca. L'affidabilità e la possibilità di reperire del materiale sostitutivo anche decine d'anni dopo la realizzazione di un lavoro rappresenta una priorità di scelta che ci ha fatto decidere per questa ditta che ha sempre soddisfatto i nostri pazienti.

L'intervento implantare richiede un'accurata pianificazione da parte del medico dentista, che può, nella maggior parte dei casi, realizzare un piano di cura con il solo ausilio di modelli, radiografie endorali e radiografia panoramica.
Nei casi più complessi una radiografia 3D ( tomografia digitale volumetrica tridimensionale) permetterà di meglio valutare i rischi e le vie di successo per una riabilitazione protesica adeguata. Questo tipo di esame permette di visualizzare precisamente la disponibilità ossea e di reperire le strutture anatomiche da rispettare durante l'intervento; é inoltre possibile posizionare gli impianti preventivamente al computer , avendo così un'idea precisa della situazione che si troverà in bocca. Questo procedimento rappresenta un notevole vantaggio in termine di sicurezza.
La posa di un impianto necessita un lasso di tempo compreso tra 30 e 60 minuti a seconda del tipo di intervento; viene realizzata in anestesia locale ed è assolutamente indolore. Dopo 10 giorni vengono rimosse le suture e trascorso un periodo osseointegrativo di circa 10 settimane, l'impianto è pronto per ricevere una corona in ceramica.